app-storearea-applicatoriarea-privatiarea-produttoriarea-progettistiarea-rivenditoriarrow-downarrow-rightbackbookcalculatorclosecontrolsdownloademailenvelopeeyefilterflaggoogle-playlinklogo-fila-footerlogo-filalogo-recommendedmarkermateriali-esternomateriali-finituramateriali-internomateriali-lavaggiomateriali-manutenzionemateriali-pavimentomateriali-pretrattamentomateriali-protezionemateriali-rivestimentonewsletter-arrownewsletterpagenav-gridpagenav-nextpagenav-prevphone-filledphoneplayplusprintsearchshare-facebookshare-googleplusshare-linkedinshare-twittershareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-flickr-bnsocial-flickrsocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubetoolbar-apptoolbar-capitolatotoolbar-certificationstoolbar-downloadtoolbar-eyedroppertoolbar-product-safetytoolbar-product-sheettoolbar-product-techtoolbar-retailertoolbar-supporttoolbar-videotutorialupload-file

Reggia di Venaria Reale

Italy

La Reggia di Venaria Reale è una delle residenze Sabaude, un capolavoro di architettura e paesaggio dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1997.  La struttura della reggia è paragonabile alla francese Versailles, che fu costruita tenendo a mente la costruzione piemontese. Dopo un periodo di completo abbandono, la Regione Piemonte ha avviato un lungo e complesso progetto di restauro che si è concluso nel 2007 con l’apertura dell’edificio al pubblico. Con 80.000 mq di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, Venaria Reale vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale che vengono visitate ogni anno da un milione di visitatori. Questo afflusso straordinario ha però usurato le superfici interne che risultavano fortemente rovinate: l’intervento dei maestri trattatori fratelli Bergantin, durato circa due anni, serviva a riportare in vita i pavimenti in parquet di legno antico della “Sala delle Arti” (1.500 mq), i pavimenti in cotto fatto a mano nel “Salone di Diana” e nel “Castelvecchio” (3.000 mq) e i pavimenti in cocciopesto nell’anticamera dei Valletti a Piedi detta “Sala dei Fagioli” (800 mq).

In particolare la verniciatura del parquet era usurata dal calpestio dei visitatori e si presentava danneggiata irrimediabilmente, al punto che la levigatura era stata prevista come unica soluzione.

I nostri trattatori hanno proposto un intervento alternativo basato sull’utilizzo di materiali naturali e reversibili: prima hanno sgrassato la superficie con il detergente decerante FILASOLV, poi hanno steso diversi strati di cera pigmentata FILAPRO130, FILAPARQUET NATURE, FILANATURWAX, facendo raggiungere ai pavimenti la lucentezza e il colore originali di un tempo. Questo procedimento è stato particolarmente apprezzato dalla Sovraintendenza ai Beni Culturali che ha deciso di valorizzarlo inserendolo come regola nelle normative interne di manutenzione straordinaria.